perché il semplice saperlo è un seme; se il terreno è pronto una verità che lo incontra vi si annida e inizia a germogliare

Nel nome del Signore, Dio d’Israel, sia Michael alla mia destra, Gabriel alla mia sinistra, dinanzi a me Uriel, dietro a me Raphael.

E sopra la mia testa la divina presenza di Dio. (preghiera ebraica)

mercoledì 11 maggio 2011

Lauviah 1, angelo 11, dei nati fra l'11 e il 15 maggio

Lauviah 1 è il terzo raggio angelico nel Coro uraniano degli Angeli Cherubini guidato dall'Arcangelo Raziel. Qui governa le energie di Giove. Qui lo indico come "Lauviah 1" perché omonimo di un Angelo Trono di giugno; e come quest'ultimo è detto anche La’awiyah, o Leuviah, o Luviah. Perciò per distinguere fra queste due Energie si dirà Lauviah 1 e Lauviah 2, oppure Lauviah Cherubino e Lauviah Trono. 
Il suo elemento è la Terra; ha domicilio Zodiacale dal 20° al 25° del Toro ed è l'Angelo Custode dei nati dall'11 al 15 maggio. I sei Angeli Custodi del Toro, collettivamente, fanno dei loro nati persone serie, responsabili, gradevoli e meritevoli di fiducia; inoltre accordano loro la sicurezza materiale.
Il nome di Lauviah 1 significa “Dio loda ed esalta”
Lauviah 1 si manifesta attraverso l'attrazione. Concede ai suoi protetti che lo invocano grande saggezza, equilibrio e diplomazia; forte capacità di ripresa dalle difficoltà; facilità nel far conoscere il proprio talento, buon esito e fortuna in ogni genere di attività, alti livelli economici e sociali, riconoscimenti e celebrità. Alle doti di ricchezza di Giove, unisce infatti lo splendore di Urano che accorda la notorietà. 
Secondo la Tradizione il codice dei 72 Nomi di Dio è celato nei tre versetti 19, 20 e 21 del capitolo 14 dell'Esodo (ciascuno composto da 72 lettere): "l'Angelo di Dio che stava davanti al campo di Israele si mosse e si pose dietro di loro. Anche la colonna di nube si mosse e dal davanti passò indietro, venendosi a trovare fra l'accampamento degli Egiziani e quello di Israele. Questa nube da un lato (cioè per gli uni) era tenebrosa, dall'altro (cioè: per gli altri) rischiarava la notte. Così gli uni non poterono avvicinarsi agli altri per tutta la notte. Allora Mosé stese la mano sul mare e l'Eterno, durante tutta la notte, ritirò il mare con forte vento da Oriente, rendendolo asciutto; e le acque si divisero". La prima lettera del trigramma-radice in questo Nome (Aleph), è l'undicesima lettera del cap. 14,  versetto 19, e dunque la terza lettera del Nome divino (in ebraico "Elohim "). Il trigramma Lav proviene dalle stesse parole da cui discende il Nome dell'Angelo a lui precedente (Aladiah, angelo n° 10): le due prime lettere sono le stesse, all'inverso: là abbiamo aleph e lamed, e qui lamed e Aleph. Il Daleth rappresenta la mano tesa di Mosè ad aprire il mare, questa volta non dando l'idea della mano che dona (come in Aladiah), ma della mano che purifica. Lauviah è la roccia a cui ci si può appoggiare e nello stesso tempo l'elemento che purifica la nostra interiorità. La Lamed rappresenta il pungolo, Aleph il bue, Vav il gancio: nell'insieme il trigramma suggerisce l'idea di fare avanzare il bove con il pungolo, tenendolo sotto controllo con il gancio. Il rebus formato dal trigramma può fare allusione anche al fulmine dell'amore. Il Lauviah cherubino è infatti considerato l'Angelo della folgore, e ci dice che i disastri naturali possono essere conseguenze legate all'azione dello spirito collettivo del'Umanità.
Dice Haziel che Lauviah 1 è portatore di trasformazioni radicali o/e di ispirazioni geniali, sublimi. Inconsciamente, la persona legata a quest'Angelo produrrà intorno a sé effetti catartici. Ciò significa che, solo in virtù della sua presenza, sarà possibile sentirsi più puri, più leali, più lieti, più entusiasti. Tramite le azioni materiali rette, quelle che i migliori sentimenti covano in sé come in un'incubatrice, tutti hanno la possibilità di insediare l'Amore Divino nella società e nel Mondo. Ma i protetti da Lauviah 1 hanno facoltà di diventare letteralmente suoi messaggeri. 
Lauviah cherubino secondo Sibaldi
Questo Angelo (che è l'unico ad avere un "angelo gemello"), forma una sorta di coppia con il La’awiyah dei Troni che presiede ai nati tra l’11 e il 16 giugno. Avendo lo stesso nome di Dio, essi hanno anche funzioni simili. Sono entrambi "Angeli della soglia", benché il primo tra i poderosi Cherubini, il secondo tra i leggeri e amorevoli Troni.
Sibaldi associa questa coppia di angeli ai Dioscuri: la coppia di gemelli celesti dei «divini fanciulli» Castore e Polluce cui Egizi e Greci attribuivano lo stesso compito che hanno i due La’awiyah ebraici: cioè la costruzione e la custodia di ponti tra il visibile e l’invisibile (...) Sempre vicini, benché il primo fosse mortale e dunque più vicino alla terra, e il secondo immortale e tutto celeste; per gli egizi erano i due figli del Dio supremo Ra: S’u, il dolce signore dell’aria, e Tefnut, simile a una fiamma che può d’un tratto divampare e sgomentare. Il La’awiyah di maggio si direbbe più affine a Tefnut: la lettera aleph, nel suo Nome, esprime soprattutto forza inesauribile, mentre nel La’wiyah di giugno l’aleph è piuttosto un’immagine dell’intensità e profondità degli affetti. Ma i due La’awiyah in qualche modo si integrano a vicenda: i protetti di entrambi hanno accesso agli stessi doni, così come entrambi condividono i rischi che tali doni comportano. Sempre Sibaldi dice che primo compito dei La’awiyah è capire che il loro io può abitare la comune realtà solo in parte: essi sono, sempre, anche altrove; la loro mente, i loro talenti e le loro aspirazioni appartengono in larga misura, appunto, all’Aldilà, a quel versante dell’universo, cioè, in cui tempo e spazio hanno altre leggi, e l’intuizione corre più rapida e fa scoprire cose strane. A un certo punto della loro vita i La’awiyah potranno, per esempio, accorgersi tutt’a un tratto di sapere cose che non hanno mai imparato, o di ricordare avvenimenti che non hanno vissuto. Perciò sarà essenziale per loro fare attenzione a non cadere in credenze superstiziose, né in resistenze ateistiche altrettanto rigide, con cui molti si difendono dai misteri. Per la loro realizzazione i Lauviah devono accettare questa meravigliosa dote, che se non coltivata lascia la loro esistenza monca, senza scopo e senza gioia, con la perenne impressione di essere in ritardo, di essere attesi da qualche parte, da qualcuno che, chissà perché, non si fa mai vivo. (...) rimpiangono così situazioni e figure perdute per sempre. Ma non è vero: credono di sognare e rimpiangere, e sono solo maschere della loro esitazione. Non appena superano, invece, quella soglia tra "Aldiqua" e "Aldilà", nella loro vita irrompe l’abbondanza, e in ogni senso. Può avvenire in molti modi, non necessariamente per teologia o medianità: per alcuni quel superamento assume forme più concrete, magari un trasferimento all’estero, la passione per l’archeologia o per la psicologia del profondo. Varcato uno qualsiasi dei confini che per loro ha sempre un travolgente valore simbolico, i La’awiyah cominciano non soltanto a sentirsi liberi e interi, ma si ritrovano proprietari di splendide qualità pratiche, indispensabili per ottenere successo e per goderne: versatilità, intuito, fascino, grande voglia di lottare per affermarsi, allegria, coraggio e in particolar modo un’espansività, una luminosa capacità di provare amore per la gente e di comunicarlo apertamente. Quando invece non osano, quelle che sarebbero state le loro ottime qualità si manifestano sottoforma di opprimenti difetti che incarnano l'esatto contrario delle loro potenzialità. Un rischio scongiurato da tutti i La’awiyah che decidono di affrontare il Mistero e diventare dei ricercatori: quando questo avviene, in qualunque modo lo facciano, purché al servizio di una buona causa, la loro vita comincia davvero a splendere e a irradiare la sua luce sugli altri.
Qualità di Lauviah e ostacoli dall'energia "avversaria"
Le qualità sviluppate da Lauviah 1 sono resistenza, entusiasmo, altruismo, perseveranza; voglia di riuscire e utilizzo dei propri privilegi al servizio dei bisognosi. Le attività che favorisce sono azioni intraprese al servizio dell'Umanità, sia nel campo lavorativo che nel volontariato. L’Angelo dell’Abisso a lui contrario si chiama Batriel e rappresenta i disastri naturali. Domina l'ambizione, ispira l’orgoglio morboso e contemporaneamente avvilimento, cioè presunzione senza amore di sè. Causa gelosia, amoralità, falsità, calunnia. Le distorsioni in cui possono incorrere le personalità Lauviah sono stravaganza, avversione verso gli altri, eccessi, senso di vuoto per amore di "attaccamento" e interessi volti solo a valori materiali.
Meditazione associata al Nome
La meditazione associata a questo Nome si chiama: "tutte le forze minacciose sono espulse da qui". Secondo la Kabbalah, infatti, la vibrazione delle sue lettere fornisce lo strumento meditativo più efficace a bandire le tracce diaboliche neutralizzando tutte le energie ostili e purificando l'ambiente in cui si opera. 
Meditazione - Ora, concentrando la tua visione sulle lettere ebraiche della radice del Nome, senza pensare ad altro, respira e, lasciandoti permeare profondamente e a lungo dal suo significato, pronuncia questa intenzione: La Luce di questo Nome disattiva l'energia negativa e pulisce il mio ambiente.
La Tradizione ci insegna però a invocare entrambe le energie Lauviah: i protetti del Lauviah Cherubino, pregando anche il suo più dolce e interiorizzato "angelo gemello" del Coro dei Troni, attiveranno anche i suoi doni; in particolare la capacità di ripresa dalle sofferenze del corpo e dello spirito e l'attitudine a vivere in uno stato di costante gioia di vivere. Secondo la Kabbalah la meditazione nel Nome del Lauviah Trono si chiama "la più grande delle vie di fuga" (il potere di questo nome porta la via di uscita dai nostri desideri dettati da inclinazioni egoistiche e dalla mentalità dell' "io prima di tutto" che determina il dolore e le difficoltà. Al loro posto guadagno il vero della vita e doni duraturi, famiglia, amicizia e appagamento). 
Esortazione angelica
Lauviah 1 esorta i suoi protetti a utilizzare le proprie doti per gettare ponti e a invocare la sua energie per ottenere vittorie nel nome dell'Amore: divenendo soccorritori dei piccoli da un lato, messaggeri presso i grandi, dall'altro. 
Giorni e orari di Lauviah
Se sei nato nei giorni di reggenza di questo angelo, Lauviah 1 è sempre in ascolto per te; ma in particolare le sue energie si schiudono nelle date del tuo compleanno e negli altri 5 giorni che ti sono dati dal calcolo della Tradizione. Suoi giorni di reggenza sono anche: 19 gennaio, 31 marzo, 13 giugno, 28 agosto, 8 novembre; ed egli governa ogni giorno, come "angelo della missione", le energie dalle h. 3.20 alle 3.40. Assiste perciò, in particolare, anche i nati in questi giorni e in questo orario, in qualunque data di nascita, ed è questo l'orario migliore in cui tutti lo possono invocare. La preghiera rivolta specificamente a Lauviah 1 è il 47° versetto del Salmo 17: Vivit Dominus et benedictus Adiutor meus et exaltetur Deus salutis meae (Viva il Signore, sia benedetto il mio Soccorritore ed esaltato il Dio della mia salvezza).
Corrispondenze con le simbologie degli Arcani maggiori
A ciascuna delle 22 lettere ebraiche sono associati dei numeri, dunque ad esse possono venire associate anche corrispondenze con le relative simbologie dei 22 Arcani maggiori dei Tarocchi; questo può essere interessante per chi desidera interrogare questi simboli sul solo piano di vero interesse: quello cioè dell'introspezione psicologica. Mentre le lettere ebraiche si leggono da destra a sinistra, però, i corrispondenti Tarocchi vanno letti da sinistra a destra. In questo caso, la radice (lamed-aleph-waw) del Nome risponde alla configurazione:
L'Appeso - il Mago - l'Innamorato
da cui la riflessione che nasce dalle domande poste da questi arcani: chiede l'Appeso (sosta, meditazione, dono di se stessi) che cosa devo sacrificare? che cosa devo dare di me stesso? cosa devo fermare? cosa devo ascoltare? verso quale punto devo rivolgere la mia ricerca interiore? chiede il Mago (l'inizio, la scelta): che cosa sto cominciando a fare? che cosa sto scegliendo? come posso canalizzare la mia energia? chiede l'innamorato (l'androgino divino, il libero arbitrio, la ricerca della Luce): in quali relazioni sono coinvolto? che scelte devo operare?  
CORI DI APPARTENENZA E ARCANGELI DI INFLUENZA
Rimando infine al Coro e alle energie arcangeliche che dispensano influenze ai nati fra l'11 e il 15 maggio. L'angelo Lauviah 1 appartiene e al Coro degli Angeli Cherubini guidato dall'Arcangelo Raziel. Questa decade in particolare (11-20 maggio) è sotto l’insegna dell' Arcangelo Michele. Il segno dei Gemelli nel suo complesso, invece, cade sotto l'influenza di Haniel, l'Arcangelo della Bellezza.
Con questi link vi reinvio a tali entità angeliche: i nati in questi giorni sono invitati a consultarle, insieme a quella del loro Angelo Custode Lauviah 1. Infatti anche le energie di questi Arcangeli sono al loro fianco. Infine bisogna ricordare che una specifica influenza sulla persona è esercitata anche dall'Angelo che aveva reggenza nell'orario della nascita. Nel caso particolare di questo angelo, inoltre, ricordo che è opportuno conoscere e invocare anche la sua energia "gemella", che trovate QUI.
Cambiando argomento
Cambiando argomento, ma non troppo, i "santi laici" di questi giorni sono Alfredo Albanese, della polizia di Stato, e Domenico Noviello, imprenditore.

Nessun commento:

Posta un commento